New PDF release: Architettura rurale italiana

By Pagano Giuseppe, Guarniero Daniel

Nella storia della Triennale di Milano l’edizione del 1936 viene considerata, dalla cultura architettonica del dopoguerra, l. a. Triennale di Pagano. Infatti a Giuseppe Pagano, figura centrale del razionalismo italiano e direttore di Casabella, va attribuito il più importante contributo according to il rinnovamento del linguaggio architettonico, preparato dalle pagine della sua rivista e proposto in sede espositiva dai progetti e dalle opere realizzate. Sono gli anni in cui si tenta una mediazione fra il Movimento Moderno e gli orientamenti derivati dall’ideologia del fascismo; e in questo confronto, in cui già si delineano le principali divergenze, gioca un ruolo importante l. a. presenza di un padiglione di portata apparentemente modesta: Giuseppe Pagano, in collaborazione con l’architetto Guarniero Daniel, si fa promotore di una “Mostra dell’architettura rurale nel bacino del Mediterraneo”. (1)
E’ l. a. prima volta che il tema dell’architettura minore viene portato all’attenzione degli architetti e all’interesse del pubblico a cui los angeles mostra è destinata; ha buon gioco, in questo senso, una convergenza di interessi con l’ideologia del regime, che ripropone i valori legati all’agricoltura, realizza le bonifiche e inizia a sostituire il latifondo con los angeles piccola proprietà contadina. Ma Pagano sa scoprire, proprio nelle architetture spontanee fotografate lungo los angeles penisola, i valori di un costruire che raggiunge valori estetici in step with los angeles sua stessa essenzialità, legata alla corrispondenza fra le soluzioni architettoniche e l’utilizzo a cui ogni parte dell’edificio è destinata. E’, in pratica, l. a. concezione del Movimento Moderno: e infatti osserverà anni dopo Giorgio Muratore: “L’architettura rurale, nelle sue diversified e contrastanti implicazioni e al di là dell’interesse intrinseco in line with i problemi specifici advert essa connessi, diviene così un autentico cavallo di Troia dell’architettura moderna, pretesto efficace, certo non occasionale, profondamente legato alla specificità della cultura italiana, attraverso il quale, al di là di certa, pur evidente, autarchicità, venivano contrabbandati ipotesi e principi del più aggiornato dibattito.” (2)
Pagano ha preparato il materiale della mostra con un coinvolgimento diretto, che lo ha portato a percorrere cittadine, paesi e campagne di tutta Italia in compagnia della sua preziosa macchina fotografica. Però non ha fatto tutto da solo: oltre a Guarniero Daniel, coautore della maggior parte del materiale, sono stati invitati a collaborare altri professionisti che forniscono contributi legati alla specificità dei luoghi presi in esame. Il risultato è una documentazione ricchissima, allora praticamente inedita, e che diventa oggi anche una preziosa testimonianza storica, dato che molti di quegli edifici sono stati successivamente distrutti.
Di fatto, los angeles mostra dell’architettura rurale e il testo relativo pubblicato di seguito nei “Quaderni della Triennale” sempre a cura di Pagano , suscitano un effettivo interesse che si riflette nei vari articoli pubblicati sull’argomento, e nel proseguimento del dibattito dalle pagine di Casabella. (3)
D’altra parte forse lo stesso Pagano non è consapevole del fatto che los angeles mostra è anche e contemporaneamente un grande contenitore di questioni che rimangono comunque aperte e tutte da scandagliare. Molte verranno riprese nel dopoguerra, in particolare nel ‘51, in occasione della nona Triennale in cui viene riproposta una rassegna di “Architettura spontanea” a cura di E. Cerutti, G. De Carlo e G. Samonà. (4)
Di fatto nelle tematiche sottese alla mostra, possiamo individuare alcuni filoni di argomenti. Innanzitutto, come osserva Zevi, gli esempi presentati riguardano sempre edifici singoli. (5)
Eppure nell’edilizia spontanea risulta spesso preponderante l’aspetto aggregativo: basterebbe in keeping with tutti l’esempio paradigmatico delle costruzioni di Matera, ma ci sono anche i trulli, le case a terrazza sistematicamente sovrapposte, le grandi masserie, gli edifici addossati sui rilievi collinari e quelli strutturati attorno alle corti. Il rapporto fra l’urbanistica e l’edilizia minore diventa infatti nel dopoguerra oggetto di approfondimento da parte di un importante settore della cultura architettonica. (6)
C’è poi il collegamento con l. a. tradizione architettonica nazionale, che in alcuni casi porta gli studiosi advert allontanarsi dalle posizioni del razionalismo di stampo europeo in keeping with privilegiare los angeles genesi delle forme in relazione alle tradition locali: è il caso di Roberto Pane, che partecipa alla mostra con una documentazione riguardante l’architettura rurale in Campania e pubblica quasi contemporaneamente un libro sullo stesso argomento, con una impostazione fondamentalmente storica che caratterizzerà anche il proseguimento della sua ricerca. (7)
D’altra parte nel dopoguerra los angeles diffusione del linguaggio architettonico funzionalista suppose in molti casi caratteristiche specifiche, legate appunto alla tradizione nazionale: è il neorealismo architettonico, che l’esperienza di Pagano aveva anticipato proprio attraverso l’uso della fotografia, in cui è facile ritrovare le affinità con le successive espressioni cinematografiche. Di fatto al padiglione dell’architettura rurale si possono facilmente ricondurre realizzazioni degli anni cinquanta come il Tiburtino terzo o il villaggio los angeles Martella a Matera.
Infine, l’architettura organica. Il movimento promosso da Zevi nell’immediato dopoguerra ha una innata sintonia con i manufatti dell’architettura spontanea, in cui ritrova l’uso di materiali costruttivi suggeriti dall’intorno naturale, los angeles libertà da schemi geometrici precostituiti, lo spontaneo adattamento all’ambiente paesistico circostante. Potremmo chiederci se qualche elemento di questa nuova visione dell’architettura fosse già presente, almeno in nuce , nel padiglione del ’36. Vorremmo ricordare a questo proposito il contributo che si riferisce alle case rurali della provincia di Palermo, fornito dal relativo Politecnico e preparato da alcuni neolaureati col coordinamento di Edoardo Caracciolo, allora giovane professore. (8)
In questo caso l. a. documentazione è abbastanza diversa da quella relativa alle altre regioni italiane. Non si tratta solo di fotografie: ci sono i rilievi completi di alcune case, con piante e sezioni, quindi con l. a. possibilità di leggere gli spazi interni;e ci sono facciate riprodotte a tempera, con un uso realistico del colore che sottolinea il valore cromatico collegato all’intersecarsi delle superfici murarie. Una delle four foto che si conservano nell’archivio della Triennale in line with il padiglione di Pagano raffigura proprio il pilastro su cui period collocata questa piccola sezione dell’allestimento. Anche in questo caso gli architetti siciliani proseguono l. a. loro ricerca. Nel ’38 una mostra palermitana ripropone questa esperienza, ed è l’occasione consistent with una pubblicazione che sarà spesso ricordata nei successivi studi sull’architettura rurale siciliana. (9)
Nel primo dopoguerra il gruppo siciliano che sostiene l’architettura organica avrà come promotore Edoardo Caracciolo e, fra i sostenitori, Pietro Airoldi e Vincenzo Lanza, autori appunto della documentazione presentata alla triennale del ’36.

Show description

Read Online or Download Architettura rurale italiana PDF

Best architecture books

Get Fabric Styles PDF

Delicate ornament comprises window curtains, curtains, carpets, tablecloths, cushions, beds and sofas, and artworks. textile kinds covers 3 different types: cloth, furnishings, and artworks. the most recent ornament layout techniques are incorporated right here with many beautiful photos. The e-book introduces the reader to the designs of sentimental and their roles in inside layout.

Download PDF by Jenny Uglow: The Pinecone: The Story of Sarah Losh, Forgotten Romantic

Within the village of Wreay, close to Carlisle, stands the strangest and so much magical Victorian church in England. This vibrant, unique booklet tells the tale of its builder, Sarah Losh, strong-willed, passionate, and weird in each way.

Sarah Losh is a misplaced Romantic genius—an antiquarian, an architect, and a visionary. Born into an outdated Cumbrian relations, heiress to an commercial fortune, Losh mixed a zest for development with a love of the previous. within the church, her masterpiece, she enable her mind's eye flower—there are carvings of ammonites, scarabs, and poppies; an arrow pierces the wall as though shot from a bow; a tortoise-gargoyle launches itself into the air. And all over there are pinecones in stone. The church is a dramatic rendering of the ability of fable and the nice typical cycles of lifestyles, demise, and rebirth.

Losh’s tale is additionally that of her radical relatives, pals of Wordsworth and Coleridge; of the affection among sisters and the lifetime of a village; of the struggles of the weavers, the arriving of the railways, the findings of geology, and the destiny of a tender northern soldier within the First Afghan struggle. specially, it's concerning the pleasure of creating and the ability of unsung neighborhood craftsmen. Intimate, engrossing, and relocating, The Pinecone, via Jenny Uglow, the Prize-winning writer of The Lunar males, brings to lifestyles a rare girl, a quarter, and an age.

Get Julie Snow, Architect PDF

It is an unlucky truth that architects working towards within the nice expanse among the East and West coasts all too usually locate themselves past the radar of the profession's so-called "tastemakers. " And it really is specially a disgrace relating to Julie Snow, a Minneapolis-based architect who has, during the last decade, built the most creative practices anyplace within the usa.

Additional resources for Architettura rurale italiana

Example text

The Christian saying that "beauty is not on my countenance but within me" seems to have given expression to this leading characteristic. The Romanesque artists gradually ornamented the exterior according to Roman patterns, and later on we find relief ornament Both may only be the contemporaneous appearance of one and the same form, and we ascribe to one particular divided into stages. Were there is neither marble nor stone, nor sculpture, artisans decorate the walls by laying place an activity which compared with that of another centre might only deserve the name of passivity.

Till it ground triumphed. The tendency towards the vertiat its cal zenith had to continually The vaulting compartments increases. develop from square to oblong with closer placing of The apse again becomes polygonal. The crypts disappear, whereas the choir ambulatories and butthe piers. tresses multiply. Finials occur abundantly, single forms are multiplied, and a whole world of animals and plants are copied from nature and replace fantastical ornament with interwoven monsters. The tendency to-day is to attribute the Romanesque innovations to a uniform the the artists, and to their totality of training of common desire to obtain particular light effects.

Were there is neither marble nor stone, nor sculpture, artisans decorate the walls by laying place an activity which compared with that of another centre might only deserve the name of passivity. The the bricks influence in the field of decoration is greater because of the ease with which things like fabrics, embroidery, wood-carving, goldsmiths' work and ivories may be trans- fashion ported from one place to another. But there is also such a thing as direct and indirect influence: such for instance as that exercised by the monastic system, particularly that that the in geometrical and multicoloured patterns; rich patterns of inlaid marble in a more often with known as "opus sectile".

Download PDF sample

Architettura rurale italiana by Pagano Giuseppe, Guarniero Daniel


by Anthony
4.5

Rated 4.47 of 5 – based on 38 votes